Superprotezione

“I punti deboli e ancor di più quelli forti devono essere superprotetti” (Aaron Nimzowitsch, Il mio sistema)

Casa Bagnato-Pagano ospita la IV tappa stagionale del BGT e la prima partita a Kingsburg, ottimo regalo per il mio 40esimo genetliaco. Regole, studio statistico, magnifico articolo sulle strategie, gioco in java: ci si è preparati tutti a dovere. Tutti tranne Francesco! E allora mentre si attende che Luigi riesca ad uscire indenne da una riunione condominiale, Francesco subisce da parte mia e di Mauro un indottrinamento veloce.

Ottima tutta la componentistica. All’interno della scatola si trovano pure le bustine per conservare separatamente i materiali: che finezza! Il tabellone è superbo. Le sue dimensioni generose ci costringono addirittura a spostarci sul tavolo grande. Unica pecca: le tabelle degli edifici dovevano essere cartonate o plastificate. La meccanica è semplice, ma il gioco non è banale. Complimenti a Andrea Chiarvesio e Luca Iennaco, le due menti italiche ideatrici del gioco!

Luigi è arrivato carico: ha studiato. Sventola gli articoli stampati e sottolineati e minaccia sfracelli. Mauro ridacchia sornione, ha studiato pure lui e sperimentato qualche strategia con l’applicazioncina java. Anch’io ho leggiucchiato un po’, ma non mi sembra di essermi molto applicato rispetto alle due iene. Francesco ci guarda sgomento. Inizia a mettere le mani avanti, ma poi si carica e sfida apertamente “gli studiosi”.

Mauro, a sua insaputa, si scopre emulo di Nimzowitsch, un grande scacchista dei primi anni del XX secolo. Nel suo  “Il mio sistema”. con il quale si sono costruite e tuttora si formano generazioni di scacchisti, il grande maestro lettone enuncia il concetto di superprotezione: ogni punto strategico importante deve essere superprotetto! Insomma Mauro si blinda puntando sulle righe dei maghi e della fortezza. Io faccio più o meno lo stesso ma costruisco anche l’argano e cerco di beccarmi sempre il premio del re. Francesco punta sulla cattedrale e la fortezza, ma non riesce a completare nessuno degli edifici della IV colonna. Luigi nonostane i proclami belligeranti si perde: costruisce la fortezza ma rimane molto indietro. Gli anni passano e si abbattono su noi in sequenza: zombi da 4 e da 5, demoni da 6 e orchi da 7. Le battaglie sono tutte vinte: l’aiuto del re risulta sempre sostanzioso e tutti si coprono bene le spalle. Nell’ultimo anno si capisce che la vittoria sarà contesa tra me e Mauro. Nel vano tentativo di costruire cappella (+5) o fortezza (+4) nell’ultimo anno mi distraggo. Non controllo bene Mauro che, infido, sacrifica un punto con la spia per scegliersi 3 materiali e portarsi a casa la gilda dei maghi. La distrazione mi costa cara. Anche perché, nonostante non abbia neanche un soldato per l’inverno, è bello corazzato. Invoco il drago, ma arrivano dei barbari da 8. Invoco infine la sfiga massima nel lancio per l’aiuto del re. E’ proprio Mauro l’ultimo lanciatore… e un generoso 4 gli concede la vittoria.

La superprotezione paga. Lunga vita a Nimzowitsch!

Tabellone finale

mauro (pt. 41)  2-0-4-4-0

daniele (pt. 38)  1-1-4-3-2

francesco (pt. 36)  3-1-2-3-0

luigi (pt. 30)  1-1-2-4-2

Riguardando gli edifici costruiti… potrei dire di aver fatto la cappella della cappella!

Annunci

Una Risposta to “Superprotezione”

  1. Francesco Laddaga Says:

    però non mi hai commentato la cosa più importante: io non avevo letto nemmeno le regole, Gigi si era perfino studiato le strategie… E CHI è ARRIVATO ULTIMO?!?!?!?!? 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: