Archive for novembre 2010

Avulso

novembre 25, 2010

Il V incontro è a casa Tucci. Ci attende un gioco nuovo: Stone Age. Spendiamo un po’ di tempo per ripassare insieme le regole. Mauro, che ha già qualche partita alle spalle con il nipotame, ci guida veloce nel manualetto. Oggi è avulso. Beh, non più isolato ed estraneo del solito, ma oggi per lui tutto è “avulso”… a parte. Il conteggio è avulso, il pirolo è avulso, la carta è avulsa, le patatine sono avulse dalla coca-cola.

La sequenza di gioco è D, F, M, L.  In realtà le regole mi sono ancora un po’ avulse e così non capisco bene una carta e mi gioco subito malissimo il vantaggio della prima scelta. Iniziamo male. Nel frattempo dal bossolo escono lanci di dadi memorabili nella buona e nella cattiva sorte. Si scatenano in contemporanea danze tribali, maledizioni voodoo e riti propiziatori. Non ci facciamo mancare nulla.

Scelgo una strategia strana. Evito i correttori e rinuncio a nutrire la popolazione per un paio di turni, pagando i -10 punti pur di costruire. Si guadagna sempre qualcosina. A lungo termine non rende, ma così in un contesto avulso ha il suo perché. Comunque nel frattempo faccio un lancio storico coi dadi e rimedio la fornitura di legna per un anno. Da Geppetto zeppi per ogni occasione! Nel frattempo un oro qui, un sercio là, una terracotta serve sempre ed  io e Francesco ci stacchiamo un po’ dagli altri. Mauro segue ma non brilla, Luigi è avulso dal gruppo.

Francesco chiude la partita scegliendo a sorpresa l’ultima carta di una pila. Io mi trovo fregato perché contavo in un altro turno per aumentare la popolazione, dato che zitto zitto ho preso solo carte popolo. Comunque all’ultimo lancio Francesco pesca una combinazione a lui mortale. Beh Francesco coi dadi non si smentisce mai. Ma meglio ancora fa Mauro. Potrei anche avere delle chance di vittoria se il nostro “Mr. III posto” scegliesse in modo bastardo. Si fa due conti e non fa l’infame. Tanto non saremmo riusciti a fermare Francesco lo stesso. Perché il nostro ha la bellezza di 7 carte verdoline tutte diverse: ergo 35 puntarozzi avulsi!

E’ ancora Francesco il vittorioso: terzo successo di fila e vola a 24 PT. Luigi ha una battuta di arresto. Mauro magicamente infila il quinto terzo posto di fila. Dopo più di un anno sempre in testa alla classifica abbandono la cima: sono avulso dalla vetta!

Partita: F 119, D 104, M 91, L 85
Classifica avulsa: F 24, D 20, L 16, M 10.

I’m the King of the World

novembre 11, 2010

Quarto appuntamento a casa Laddaga ancora nel mondo piccino di Small World. La sequenza di gioco è M, D, L, F. Mauro ha la prima scelta e si rintana per benino con dei Trolls Saccheggiaroli. Io scelgo un ossimoro: gli scheletri salutisti. Luigi ha dei Mezzuomini volanti e si tiene basso: di nome di fatto. Il suo motto è: “all’inizio devi quasi prenderle“. Fra compatta un bel commando di Tritoni e li manda in montagna! Un paio di turni di assestamento e via alla prima decadenza. I miei orchi a cavallo rendono bene nel Nord Ovest. Troppo bene. Dovevo forse fare mio il motto di Luigi. Attiro infatti attenzioni ed invidie. Mauro si sacrifica e con delle Amazzoni Furiose me li decima. La distruzione della razza attiva costringe così un giocatore ad andare in decadenza con 1 o 2 punti: bye bye vittoria. Ci sono però controindicazioni anche per l’attaccante. Non puntando una razzetta sparuta in decadenza, si vede purtroppo un po’ troppo compromessa l’espansione futura della razza entrante, che in ogni caso rimane intaccata da un attacco ad una razza viva. Insomma tra i due litiganti… il terzo e il quarto godono. Luigi rimane così con i suoi Elfi Mercanti e Francesco con i Maghi Forestali. Si pappano dai 12 ai 15 punti a turno senza rompersi le scatole più di tanto. Puntano solo al conteggio finale. Io oramai la gara la devo fare su Mauro e i miei Umani paludosi cercano di trascinare nelle fango le maledetti amazzoni. Mauro chiude con i 7 Nani Alchemici ma ci vorrebbe qualcosa di più dell’alchimia per risollevare la partita.

Al conteggio Mauro mi supera per un punticino: 91 vs 90. Luigi chiude secondo con 97: si prende 4 PT con Small World e si grida al miracolo! Francesco domina con un rotondo 106! Francesco è di nuovo il Re del Mondo. Signore indiscusso di Small World. Quest’anno 2 su 2. E se si tiene conto di  tutte e 5 la partite finora disputate, ha 3 vittorie su 5. Si crea in classifica generale un anomalo grumo a 16 punti torneo composto da Francesco, me  e Luigi. Mauro inanella il quarto terzo posto di fila, con la metà dei PT del gruppo-grumo.

Partita: F 106, L 97,  M 91, D 90

Classifica: D&F&L 16, M 8.