passo e chiudo

Ispirandosi alla famosa lotta turca con l’olio, Francesco inizia la serata mangiando la pizza più oleosa del Quadraro con l’apocalittica conseguenza di ungersi in ordine mani, maglietta, jeans e coprisedie della mia cucina. Finito l’unguento e le imprecazioni, si aprono le ostilità con una mappa franzosa di Funkenschlag per la XVII partita di campionato 2010/11.

Per la prima volta giochiamo con un tappetino musicale, si parte con una selezione anni 80 ma poi si passa ai gajardi anni 70. Mauro si piazza a Parigi e si muove sull’arco Orleans – Nancy. Luigi si prende un pezzetto di Paris e si spinge a nord. Francesco sceglie di partire da Le Mans, ma io da bastardo gli taglio subito l’accesso al sud della francia con l’accoppiata Tours-Angers. Luigi scavalca il blocco di Parigi e si spinge al sud. Mauro si allarga ad Est. Io rimango nell’Ovest soffocando Francesco nel Nord Ovest.

Luigi (d’ora in avanti “mister passo”) inizia uno show spettacolare durante la fase di rilancio delle aste. Di seguito qualche perla del suo repertorio: “Questa è proprio la centrale che avevo puntato. Quindi… passo” “Maledetto! Questa è l’unica che mi serve… vabbè passo” “Questa deve essere assolutamente mia… passo“. La strategia parsimoniosa (chiamiamola così) ci fa ricordare Luigi cuore pavido dei bei vecchi tempi. Ma è lui il re in carica di Funkenschlag quindi per ora aspettiamo l’evolversi della situazione.

Ed infatti la situazione si sblocca e quasi precipita. Alla settima centrale collegata, Francesco dilaga con tutti i soldi accumulati nel centro della Francia e nella mia zona. Mauro si sovrappone nella zona tuccia. Io occupo le centrali da 15 nella zona di fra e continuo l’espansione al sud con Luigi. Si costruisce pian pianino e non ci sono giocatori in palese vantaggio. Comunque pure la sequenza di uscita delle centrali non aiuta neanche tanto.

Quando Luigi fa la 14sima centrale, si elimina la numero 14 dalla riga del mercato presente e si pesca la “stufe 3”. Ora c’è  un unico mercato e  le centrali da 7 a portata di mano. Via all’asta “definitiva”. Non ci vuole un grande analista per capire che per come stiamo messi si può vincere o arrivare ultimi. Oro e Gloria o polvere ed infamia: il passo è breve. Viene chiesta la sospensione della musica: per meglio concentrarsi. Vediamo con che risultati…

Luigi si tira fuori dall’asta (ma và’!?), Mauro si prende un bel 3 petroli per 6 centrali. Ma io DEVO contendere a francesco la centrale da 7 a monnezza. Ci sono solo 4 monnezze sul mercato e devo prenderle io. Altrimenti Francesco, unico prima di me al mercato mi brucerebbe le immondizie. Conquisto la centrale a monnezza e monopolizzo i rifiuti. Ora è Luigi che rimane senza alimentazione per la sua centrale e la sua potenza cala a 7. E non solo…

Nella costruzione Luigi non costruisce, Francesco cerca di tenersi indietro per poter avere l’ultima parola nell’asta successiva. Vedendomi parlottare da solo, Francesco ci ricorda la famosa scena del poker di “Fracchia contro Dracula” e con una vocina alla gianni agnelli dice che “La regola mi consente 18 minuti per pensare…” Il problema è che quando tocca a Mauro… Mauro ci ricorda che la regola della chiusura gioco dice che “la partita termina quando un giocatore ha collegato almeno 17 città. E il vincitore è chi ne alimenta di più” Noi non so per quale delirio collettivo siamo convinti della chiusura a 17 alimentate! Nella partita precedente il Lattanzi era rimasto fregato dalla convinzione di arrivare a 21 centrali, ora si vendica con gli interessi. Francesco si accorge con sgomento che lui poteva vincere tranquillamente potendone alimentare teoricamente una in più. Rimane fregato pure del secondo posto, perché era rimasto volontariamente dietro con sole 12 centrali per essere favorito nell’asta e nel mercato successive. Grazie poi alla bastardata della monnezza, “gigi mr. passo” può alimentare solo metà delle centrali e sprofonda in ultima posizione. Insomma colpo di scena! Mauro fa un “ops… chiudo!”

M 15 (17), D 13 (13), F 12 (12), L 7 (14)

Mauro gasatissimo azzera il gap di svantaggio e aggancia Francesco attonito in vetta. Teoricamente visto il numero maggiore di vittorie (6 contro 5) è primo. Io gongolando riscavalco Luigi imprecante.

Vabbè si è fatto tardi… Luigi e Mauro: passo e chiudo!

Classifica generale: M & F 66, D 54, L 52.

Annunci

2 Risposte to “passo e chiudo”

  1. Mauro Says:

    Che bello……………che soddisfazione…………….
    Vendetta è fatta!
    Passo (non come Luigi) e chiudo!

  2. Francesco Says:

    come parta in causa ci terrei a far notare il più imponente attacco 3 contro 1 che si ricordi nelle nostre partite: i primi turni sono stati condotti esclusivamente con la finalità di accerchiarmi… ma la mia vendetta contro Mauro e Daniele arriverà inesorabile… Luigi fa da solo!!! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: