Archive for the ‘Evo’ Category

è nato prima l’uovo o il dinosauro?

aprile 7, 2011

Ovumne prius exiterit an gallina?
(Ambrogio Teodosio Macrobio, Saturnalia VII, 16)

Maastricht è la città olandese che il 7 febbraio 1992 fu sede della firma del Trattato sull’Unione europea: da allora non passa una settimana che non venga ricordata almeno una volta in un telegiornale. Pochi sanno però che la ridente cittadina sul fiume Mosa dà il nome all’ultimo piano del periodo Cretaceo: il Maastrichtiano. Alla fine di questo periodo un evento devastante portò alla estinzione K-T: dinosauri bye bye.

Il salotto pagano rivive così l’attesa del meteorite di Chicxulub ripopolando un isolotto denso di frenetici e scontrosi dinosauri. Le razze sono le solite: biliosi triceratopi per me, cyanobrontosauri per luigi, ittero-pterodattili per mauro, pink T-Rex per fra. L’isola è la LS (large-small) e io e Mauro siamo opposti sul lato lungo (difficilmente entreremo in contatto); Francesco e Luigi sono rispettivamente alla mia destra e alla mia sinistra, con loro una scornata ci scapperà sicuro. La formula è quella con 4 geni all’asta. Ah! Se non si è capito il gioco è Evo.

Al primo turno escono 3 uova ed una coda. Gomitate per accaparrasi l’ovetto, quando il prezzo arriva a 4 scelgo la coda, dicendo riuscirà entro 2-3 mani un altro uovo, no? NO. Non uscirà il maledetto! Riapparirà al settimo turno e dovrò pure litigare per averlo. Beffa delle beffe è il fatto di avere la coda ergo l’iniziativa ergo sono io il pescatore colui che non trova l’uovo maledetto!

Per 3-4 mani riesco a gestire il mio tesoretto di vantaggio guadagnato con la prima asta, ma il maledetto uovo non esce e così vengo raggiunto, superato e distaccato pure. Luigi parte meglio e mantiene un esiguo vantaggio su Mauro e Francesco. Io sprofondo sempre più dietro. Quando Luigi raggiunge i 7 dino sono costretto ad usare una carta seccasauro per ridimensionarlo. Francesco è scornato e preferisce per ora le zampe e la mobilità, ma Luigi è cornuto (!) e in pochi turni mi sarei trovato a subire capocciate perché lo spazio è esiguo. In realtà mi becco un fastidioso effetto collaterale: si crea e si espande  tra me e luigi una anomala macchia rosa.

Non ci sono grandi sconvolgimenti climatici e le aste non sono molto particolari: esce un po’ tutto tranne il maledetto uovo. Dopo qualche sparuto combattimento fortunoso e non, mi accaparro l’uovo ma ormai ho un gap di 6-7 punti dalla gruppo in testa. Qui Francesco che finora si era pure lamentato delle sue carte prima recupera una bella carta da mauro (- 3 punti all’asta) e poi gioca la cartona della vita: blocca il clima su una temperatura a lui congeniale e fa strage di lucertoloni avversari. Mauro e Luigi vengono decimati, io mi salvo grazie ad una carta moltiplicazampe. Loro perdono quasi ogni speranza di vittoria ed io recupero un bel po’. Per un istante ho il predominio dell’isolotto, ma ormai il meteorite è vicino.

L’ultima chance per Luigi è invocare il meteorite istantaneo. Ha un punto di vantaggio ma soli 4 dino sull’isola: un altro turno e il sorpasso di Francesco è garantito. Ma se nell’ultima partita il lancio del dado con morte istantanea gli aveva fatto perdere una partita dominata dall’inizio alla (quasi) fine, questa volta la morte non istantanea concede la vittoria a Francesco. A onor del vero una delle altre carte “inutilizzabili” di francesco è un +2 a fine gioco! Quindi Luì non ce la avresti fatto neanche con il meteorite accelerato!

Partita: F 58 L 55 M 54 D 51

In classifica generale Francesco ridistacca il gruppo di una dozzina di punti. Gli inseguitori raggrumati in 4 punti continuano ad intrecciarsi scambiandosi di posizione. Piccola curiosità: Evo è un gioco di Philippe Keyaerts, il babbo di Smallworld. Francesco che ha vinto anche le 2 partite della stagione a SW fà l’en plein sui titoli di Keyaerts: è il suo autore!  24 punti su 58: più del 40% dei punti intascati vengono da giochi firmati PK.

Classifica generale: F 56 M 44 D 42 L 40

Colpo di coda

dicembre 30, 2009

L’ultimo appuntamento del 2009 si celebra sulla tavola rotonda di Francesco con Evo. I dino rimangono gli stessi: i brontoblu di luigi, i t-rex-rosa di fra, gli itterici ptero”datteri” di mauro e miei Trice-hulk. Questa volta giochiamo sulla mappa LS (large-small) con la variante classica: 4 geni all’asta. Il mondo si popolerà più velocemente, ma l’asta (a meno di pescate anomale) risulterà poco cattiva.

Questa volta le uova ci sono, vengono forse a mancare i geni X, ma tanto con questa variante d’asta non pesano come nell’altra. Tendenzialmente il clima non subisce grossi scossoni con variazioni repentine: mediamente freddino comunque, ergo Francesco si dà in faccia una bella carta secca-avversari e un set di ombrellini. Luigi domina alla grande. Mauro vola molto basso: il suo pennuto becca poco (leggasi ha l’uccello moscio). Il mio secondo corno mi concede sonni tranquilli (leggasi cornuto e felice) , ma riesco a perdere combattimenti contro Francesco anche sfoderando un paio di grotteschi lanci di dado.

Zitto zitto recupero punto su punto nei confronti di Luigi, ma devo fare in fretta il sercione si avvicina. Fra e Mauro hanno problemi genetici e di ambientazione con le loro bestie: non ingranano. Siamo oramai alle ultime battute quando, temendo giustamente la mia vicinanza e il mio secondo corno, Luigi investe nel corno. Qui ne approfitto per mettere in casa un terzo ovo gratis e  chiudere il turno con il sorpasso su Luigi. Mauro e Fra rimangono dietro.

Si rolla il dado della catastrofe e… UNO!! Il meteorite si abbatte, si polverizzano i nostri dino e si chiudono le danze. Vinco con un solo punto di vantaggio grazie al poderoso colpo di coda finale. Luigi si alza imprecando in lingue antiche. Mauro e Fra sono a pari punteggio, ma grazie alla conta dei dinosauri Mauro strappa la terza piazza e relega Fra all’ultimo posto a zero punti. Il fattore casa dopo 5 turni viene infranto. Il padrone di casa ha dichiarato alla stampa: “Ettepareva! ‘Ndo se poteva interrompe la maggica accoppiata casa-vittoria?” In più Fra deve pure subire il sorpasso dell’amato Luigi in classifica generale. Un modo mirabilis di chiudere il suo mitico anno horribilis.

D 46, L 45, M 38, F 38. Classifica: D 41, M 30, L 21, F 20

C’era una volta nel Cretaceo

dicembre 17, 2009

Nel salone delle feste di villa Bagnato Pagano Serbelloni Mazzanti Viendalmare ci si ritrova per inaugurare Evo.

Ad ognuno viene affidata una razza dinosaurica da far scorazzare su un isolotto per prolificare e dominare il territorio.  Il tentativo è molto vano dato che siamo in attesa del mega meteorite che chiuderà le danze per tutti.

Ci ritroviamo sulla mappa MM con i Brontosauri blu di Luigi, i Tirannosauri rosa di Francesco, i Pterodattili gialli di Mauro ed i miei Triceratopi verdi. Decidiamo di giocare con la variante con un gene in meno. All’asta qualcuno rimmarrà a bocca asciutta. Ma almeno risparmierà punti Vittoria.

Luigi si accaparra il primo ovetto alla lotteria genetica e per molti turni sarà l’unico uovo in giro. Ad un certo punto, visto che non uscivano uova neanche ad invocarle con riti voodoo abbiamo pure controllato che ci fossero nel sacchetto gli altri ovetti! Comunque la lottera ristretta e l’assenza di uova non ci fanno interagire molto e il nostro dino cresce pian pianino.

In ogni caso Luigi prolifica; Francesco cerca di dare capocciate a destra e a manca (è un t-rex in fondo), ma il mondo sa quale rapporto malsano ci sia tra Francesco e i dadi, quindi qualche testata viene bene qualcun’altra un po’ meno; Mauro contiene Luigi e si inventa una sequenza di carte niente male. Io grazie alla coda ho quasi sempre l’iniziativa, nel frattempo un gene mutante mi permette di pagar meno ad ogni asta e imbrocco pure un paio di belle carte evento. Riesco così a far crescere bene i miei ante-rinoceronti.

Luigi sconta il fatto di avere una zampa sola e di essere senza corna, viene così soffocato tra Francesco e Mauro. Mauro prova tutto nell’ultimo turno. E riesce pure a scavalcare i brontosauri, ma i miei Triceratopi riescono a moltiplicarsi con l’ultimo turno e…

Chiudo a parimerito con Mauro, ma il numero maggiore di dinosauri sull’isolotto mi consegna la vittoria! Luigi che era in testa prima dell’ultimo turno si ritrova addirittura terzo. I T-rex smorti di Francesco chiudono in coda. I miei Triceratopi iniziano a festeggiare, ma forse esagerano con i fuochi d’artificio…

Partita: D-M 41, L 39, F 37. Classifica: D 33 M 28 F 20 L17